Il 7 dicembre 2016 si sono conclusi i lavori di riqualificazione ambientale dell'area di Santo Stefano, realizzati all'interno del progetto "Le pietre raccontano", riguardante anche altri comuni, finanziato in buona parte dalla Compagnia di San Paolo.

Il progetto, realizzato dall'Arch. Alberto Beata, ha riguardato:

  • Rettifica accesso carraio e modellazione terrapieno
  • Definizione nuova area parcheggio
  • Pulizia fosso e definizione pendenze per scolo acque
  • Sistemazione e messa in sicurezza di alcune parte dell'area (es. vasca)
  • Manutenzione straordinaria dell'orto botanico
  • Ristrutturazione e consolidamento del campo catalogo dei vigneti autoctoni dell'AMI
  • Taglio e condizionamento alberi e arbusti
  • Manutenzione percorsi pedonali
  • Rettifica e potenziamento impianto elettrico
  • Ripristino cartellonistica.

I lavori, che dovevano essere conclusi e rendicontati entro il 31/12/2016, sono stati appaltati alla Soc. Coop. Agr. "Valli unite del Canavese" per un importo complessivo di aggiudicazione pari a 46.822E. Iva esclusa.

Il totale dei lavori, comprendendo IVA, contributi e oneri di progettazione è di 68.709E..

Il contributo della Compagnia di San Paolo è pari al 70%.

Il preventivo iniziale, sul quale era stato richiesto il contributo, era di circa 80.000E.. Stiamo verificando con la Compagnia di San Paolo la possibilità di utilizzare i circa 11.000E. risparmiati per ulteriori lavori di miglioria da realizzare nel 2017.

Si ricorda che l'area di Santo Stefano ha, al suo interno, l'orto botanico delle specie aromatiche e officinali, riconosciuto quale area di interesse botanico dalla Regione Piemonte nella sezione dei Giardini botanici pubblici (inerito con DGR 43-12574 del 16/9/2009).

L'area è curata e gestita dall'Associazione Rosmarino di Chiaverano la quale, anche in questo intervento, ha dato un'importante e indispensabile collaborazione per la sua riuscita ottimale.