Questo è stato un anno eccezionale a causa dell’emergenza e dei conseguenti problemi economici e sociali dovuti alla pandemia causata dal Covid-19.

Un anno nel quali tutti, chi più chi meno, abbiamo patito conseguenze importanti. C’è chi è stato colpito dalla malattia in modo più o meno grave, chi ha dovuto interrompere la sua attività lavorativa, chi ha dovuto modificare radicalmente le proprie abitudini a causa dell’impossibilità di uscire di casa, chi ha patito restrizioni sociali o affettive.

In un anno eccezionale anche le decisioni devono essere eccezionali e straordinarie.

Il Comune di Chiaverano ha gestito la fase dell’emergenza assistendo direttamente o tramite il gruppo chiaveranese della Caritas chiunque fosse in difficoltà nel reperimento dei beni di prima necessità o nel pagamento delle bollette.

Ora, per dare un contributo a tutti i cittadini, in particolare per le attività commerciali che più sono state penalizzate, lo scorso 22 luglio il Consiglio Comunale ha deliberato l’applicazione e le scadenze della Tassa Rifiuti (TARI) per l’anno 2020 prevedendo importanti riduzioni valide in modo straordinario per il solo anno 2020.

La scelta di applicare le riduzioni alla TARI non è legata in alcun modo alla diminuzione della raccolta rifiuti. Anzi, ancora una volta si invitano i cittadini a porre più attenzione alla raccolta differenziata che sta avendo problemi crescenti.

Si riduce la TARI perché riguarda tutte le famiglie e tutte le attività commerciali chiaveranesi e, quindi, permette di dare un contributo generalizzato.

Per quanto riguarda le utenze domestiche, quindi tutte le famiglie, viene prevista una riduzione del 30% dell’ammontare complessivo della tassa (parte fissa e variabile).

Per le attività commerciali, si è definita una diversa riduzione in considerazione dell’eventuale danno causato dalla pandemia. Pertanto, la riduzione sarà:

  • del 70 % per tutte le utenze non domestiche che sono rimaste obbligatoriamente chiuse (ristoranti, alberghi, bar, parrucchieri, estetisti) a condizione che non siano in situazioni di morosità. In caso di situazioni di morosità la riduzione sarà applicata al 30%;
  • del 50 % sulle utenze relative alle associazioni a condizione che non siano in situazioni di morosità. In caso di situazioni di morosità la riduzione sarà applicata al 30%;
  • del 30 % su tutte le altre utenze non domestiche, tranne uffici postali e bancari, farmacie e rivendite di generi alimentari di qualsiasi tipo;
  • nessuna riduzione per uffici postali e bancari, farmacie e rivendite di generi alimentari di qualsiasi tipo.

Il costo delle riduzioni a carico del bilancio comunale è di E. 89.300 che saranno finanziati per E. 20.300 tramite contributi statali (art. 106 comma 1 del D.L. 34/2020) e per E. 69.000,00 circa tramite applicazione di avanzo di amministrazione disponibile.

Come gli scorsi anni la TARI dovrà essere pagata in due rate al 30 settembre e al 30 novembre.