La Regione Piemonte, al fine di adeguarsi alla normativa nazionale nella rendicontazione della quantità di rifiuti differenziati , ovvero poter conteggiare la frazione organica all’interno di essa, ha invitato, già dal 2017, i Comuni ad istituire l’ALBO DEI COMPOSTATORI.

In questo modo viene disciplinata e formalmente riconosciuto, lo svolgimento di questa attività da parte dei cittadini e viene applicato loro uno sconto sulla tariffa, come indicato nel regolamento comunale sulla TARI (https://comune.chiaverano.to.it/amministrazione-trasparente/disposizioni-generali/atti-generali/regolamenti).

La nuova Legge Regionale pone come obiettivo Il raggiungimento, a livello di Comune, di una produzione di rifiuto indifferenziato pro capite non superiore a 159 Kg all’anno.

Praticare l’autocompostoggio è fondamentale per il raggiungimento di tale obiettivo in quanto la frazione organica è generalmente la più pesante.

I comuni che entro il 2021 non raggiungerannno questo obiettivo saranno passibili di sanzioni che andranno inevitabilmente a gravare sulla nostra bolletta.

La normativa regionale, tuttavia, prevede che siano effettuati periodici controlli sulla correttezza e sull'effettivo svolgimento del compostaggio domestico.

Per questo motivo in dicembre sono state effettuate due giornate di controllo in collaborazione con SCS (Società Canavesana Servizi) su 23 utenze iscritte all’Albo dei compostatori ed estratte a sorte.

Esito delle verifiche

Su 23 controlli effettuati, 19 hanno avuto esito positivo e 4 esito negativo pari al 17% circa del campione.

Come conseguenza le utenze non in regola verranno cancellate dall’ALBO per un anno e successivamente dovranno nuovamente iscriversi.

Sollecito alle nuove iscrizioni

Come Amministratori siamo perfettamente consapevoli che la Tassa Rifiuti (TARI) è uno sforzo economico importante per ogni famiglia, inoltre, risulta a molti particolarmente “antipatica” in quanto giudicata iniqua poichè non commisurata alla quantità di rifiuti INDIFFERENZIATI prodotti.

E’ utile ricordare che il Comune, nel caso della TARI svolge unicamente il ruolo di esattore per conto della Società Canavesana Servizi che è l’Ente che svolge il servizio di raccolta e smaltimento.

Tuttavia, proprio perché siamo particolarmente sensibili a questo tema, stiamo già da tempo lavorando per cercare, compatibilmente con i nostri margini di manovra, di rendere la tariffa maggiormente commisurata alla quantità di rifiuti indifferenziati, conferiti da ogni utenza. In particolare vorremmo aumentare la riduzione spettante alle utenze iscritte all’Albo dei compostatori.

Per questo motivo invitiamo tutti coloro che già praticano l'autocompostaggio o che hanno intenzione di cominciare a farlo e non sono ancora iscritti all’Albo dei compostatori, di iscriversi, così da poter usufruire di tale sconto sulla tariffa e nel contempo far sì che possa essere considerata come rifiuto differenziato la frazione organica da loro prodotta.

Si ricorda che le iscrizioni per l’anno in corso scadevano il 30 novembre mentre possono essere effettuate entro il 30 novembre di quest’anno per l’anno 2022 compilando il modello in allegato e consegnandolo in comune personalmente o via mail all’indirizzo This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it. .

Modulo per l'iscrizione all'Albo dei compostatori

Allegato 1 al modulo di iscrizione