In data 26 febbraio 2020 la Direzione Regionale Piemonte e Valle d'Aosta dell'Agenzia del Demanio ci ha comunicato che - dopo aver acquisito il parere dell'Avvocatura Distrettuale dello Stato - le acque, l'alveo e le spiagge del Lago Sirio sono demaniali.

L'Avvocatura ha espresso il convincimento che il Lago è demaniale ai sensi dell'art. 822 CC che supera ogni titolo di proprietà sul Lago.

L'Agenzia del Demanio ha quindi comunicato che i Comuni di Chiaverano ed Ivrea dovranno dare attuazione alle funzioni gestorie del Lago insieme alla Regione Piemonte nel rispetto della normativa regionale in materia.

Da tempo attendevamo questo chiarimento poichè, in assenza di precisa indicazione della demanialità o meno del Lago, non era possibile stabilire se le responsabilità e gli oneri fossero in capo ai Comuni oppure ai proprietari privati.

La prima richiesta fatta all'Agenzia del Demanio da parte del Comune di Chiaverano risale al 2003. Nel tempo qualche risposta era arrivata ma interlocutoria e senza la certezza del chiarimento richiesto.

Ora il Lago Sirio è dichiarato demaniale, vale a dire di proprietà pubblica.

Questo comporta che ora saranno i Comuni a curarne la gestione provvedendo ad ogni eventuale opera necessaria quale, ad esempio, un impianto di depurazione per garantire la qualità delle acque prevista dalla normativa europea.

E' intenzione dei Comuni di Chiaverano ed Ivrea di operare in forma associata per le funzioni gestorie del Lago e, quindi, di predisporre un Piano di Gestione che stabilisca ogni aspetto riguardante il Lago quale, ad esempio: moli, pontili, accessi al Lago, boe, spiagge, anche considerato che è in via di definizione la proposta alla Regione per la costituzione del Parco dei Cinque Laghi.